IL PROGETTO ‘VEDERE VOCI’ CONTINUA A CRESCERE

VEDERE VOCI è il titolo di un bel libro sul mondo dei sordi scritto dal neurologo americano Oliver Sacks. Maria Teresa Cardarelli, MusicArTerapeuta e artista di arti visive, ha ripreso questo titolo per dar vita al progetto triennale di arte terapia e teatro- fiaba a favore dei bambini sordi, realizzato presso la scuola Figlie della Provvidenza di S. Croce di Carpi. Le voci dei sordi si possono soprattutto vedere, attraverso la lingua dei segni che queste persone utilizzano per comunicare tra di loro. Si tratta di una lingua vera e propria utilizzata in particolare nella terza edizione del progetto, grazie alla partecipazione di Azzurra Cacciapaglia e di Veronica Varricchio, insegnante sorda di Lis (Lingua dei Segni Italiana). In questi 3 anni il progetto ha coinvolto una ventina di bambini sordi dai 5 ai 10 anni e una decina di operatori e volontari del servizio civile.

La maggior parte dei bambini partecipanti fa uso di protesi, mentre una minoranza è munita di impianto cocleare. I gradi di sordità sono differenti, così come sono differenti le situazioni in cui questa calamità invisibile è sopraggiunta nel corso della vita. I bambini sordi hanno un naturale bisogno di comunicare, ma tutto ciò può infrangersi contro il muro dell’indifferenza sociale portandoli all’isolamento. Fondamentali dunque sono supporti e strumenti atti a favorire l’espressione personale e di gruppo che spazino dalla comunicazione non verbale aquella verbale. Per raggiungere questi obiettivi, il progetto VEDERE VOCI si è avvalso della MusicArTerapia nella Globalità dei Linguaggi, e del Teatro- Fiaba con le carte, una declinazione del sociodramma moreniano classico, in via di sperimentazione.

Nel 2015 il progetto VEDERE VOCI è stato finanziato dalla scuola Figlie della Provvidenza, nel 2016 da una campagna di crowdfunding e nel 2017 interamente dal distretto Leo 108 Tb.Il video che verrà presentato  il 24 maggio, oltre a documentare alcune delle attività svolte e la metodologia utilizzata desidera essere un ringraziamento a tutti i sostenitori di questa profonda esperienza umana ed  artistica.

LA TEORIA DEGLI STILI PRENATALI

La teoria degli stili prenatali è una teoria applicativa in grado di decodificare una vasta gamma di movimenti corporei con le loro valenze emozionali, ma anche le espressioni artistiche come la danza, la musica e le arti visive in genere.  Qui di seguito trovate una tabella riassuntiva di questi stili che si riferiscono ai movimenti che inizialmente tutti abbiamo agito nel ventre materno. Ogni stile caratterizza una fase fetale specifica, fino alla catarsi della nascita.  Nell’ ultima colonna della  tabella, i 7 stili prenatali sono messi in relazione alle arti visive. Se volete approfondire l’argomento vi segnalo questo testo: ‘Gli stili prenatali nelle arti e nella vita’ Ed. Clueb, 1999, di Stefania Guerra Lisi e di Gino Stefani.

STILI STADIO FETALE PAROLE CHIAVE ARTE VISIVA
CONCENTRICO-PULSANTE CELLULA ORIGINE, PUNTO,NUCLEO, CENTRO INTORNO AD UN PERNO FISSO, ESSERE CENTRATI SU SE STESSI, MEDITAZIONE,ISOLAMENTO I MANDALA, I ROSONI DELLE CHIESE.
DONDOLANTE MORULA DONDOLARE ,CULLARE , LASCIARSI ANDARE, MOVIMENTO CONSOLATORIO, IPNOTICO , STILE DELLA DIPENDENZA TUTTE LE DECORAZIONI, LE GRECHE RIPETUTEIL LIBERTY
MELODICO FETO CON PROPAGGINI TESTA –BRACCIA-GAMBE ASPIRAZIONI, FANTASIA, MELODIA, ARMONIA CON L’AMBIENTE, PIACERE DI PRODURRE EFFETTI, BRAMOSIA ASCENSIONALE LA PRIMAVERA DI BOTTICELLI
ROTEANTE CORPO FORMATO SVILUPPO DEL CONCENTRICO IN FORME SPIRALICHE. ROTOLAMENTO DEL CORPO INTERO, TROTTOLA , GIOSTRA, VOLTEGGGI, DESIDERIO DI LIBERTA’,PERDITA DEL CONTROLLO, ESTASI LA PITTURA FUTURISTA E CINETICA
RITMICO -STACCATO PRESENZA DEL TONO MUSCOLARE E MOVIMENTI INTENZIONALI STILE DELLA CRESCITA E DELL’INTENZIONALITA’, PIACERE DEL PROTRARSI E DEL RITIRARSI, MOVIMENTI SEGMENTATI, BATTITI, SALTI IL CUBISMO
IMAGO-AZIONE FETO DALL’8 MESE , SONNO FETALE ATTIVO CORPO PRIGIONIERO DELLO SPAZIO, MOVIMENTI PSICHICI, CAOS , VIAGGIO ONIRICO, CAMBIAMENTO PITTURA INFORMALE CHAGALL , BACON
CATARTICO LA NASCITA DIREZIONAMENTO, TRAVAGLIO, SCARICHE RITMICHE ,FORZA DI GRAVITA’ ACTION PAINTING DI J.  POLLOCK


Nell’immagine ‘L’ORA DEL THE’, collage e pittura su carta , Tau, 2008

L’atmosfera surreale ed onirica di questo collage suggerisce uno stile di imago-azione

 

A presto

Maria Teresa Cardarelli