LA SIMBOLOGIA DEI COLORI

I colori sono in grado di emozionarci e di risuonare dentro di noi incredibilmente. Già di primo mattino quando ci alziamo e ci vestiamo, iniziamo un dialogo con loro nella scelta degli indumenti da indossare. Il colore come fenomeno fisico in relazione alla luce è stato studiato ampiamente dalla fisica, mentre in psicologia, la scelta di determinati colori in una certa sequenza ci può far comprendere molte cose e attitudini di noi stessi e mi riferisco al test di Luscher conosciuto anche come il test degli 8 colori. Dal canto suo Michel Pastoreau ha scritto interessanti testi sul valore simbolico dei colori nelle diverse epoche storiche e nei diversi contesti culturali. Relativamente   all’aspetto simbolico dei colori,  in questo post vi propongo  una tabella riassuntiva  elaborata sulla base di diverse fonti . In tabella, accanto ad ogni colore ne vengono riportate le caratteristiche essenziali con parole-chiave. Poi c’è una colonna dedicata agli aspetti liberati positivi e una agli aspetti bloccati o negativi, perché i colori sono dei simboli e nei simboli convivono gli opposti. Sarà poi nell’economia della lettura della traccia grafica nel suo complesso che un aspetto o l’altro potrà prevalere. Le tabelle riassuntive sono ausili chiari e comodi, ma sempre  da utilizzare con buon senso il che significa che non vanno applicate in maniera rigida, sommaria od esclusiva. Se avete dei dubbi per la lettura di un disegno o di una traccia grafica contattate sempre un esperto.

 

 

COLORI CARATTERISTICHE ASPETTI LIBERATI

(POSITIVI)

ASPETTI BLOCCATI

(NEGATIVI)

BIANCO Contiene i colori dello spettro .

Elemento aria

Positività purezza, innocenza,resurrezione

 

Assenza,passività,senso di vuoto
NERO Implosione dei colori .

Elemento terra

Interiorità ricca,

desiderio di conoscenza,

mistero, austerità, eleganza, stile

Negazione, ribellione,rifiuto,capitolazione, depressione, chiusura
 

ROSSO

 

 

 

Movimento in sè primario ,caldo.

Elemento fuoco

Forza, volontà, passione, orientamento alla riuscita e al successo , vita, amore, sacrificio Volontà di potenza, aggressività , rabbia, traumi
GIALLO Centrifugo, primario caldo.

Elemento fuoco

Vitalità, risveglio, presa di coscienza, volontà di scelta, intuizione, spontaneità, cambiamento  

Declino,

mancanza di fedeltà

BLU/AZZURRO Centripeto, primario freddo.

Elementi acqua e aria

Interiorità ,riflessione,

bisogno di approfondimento e appartenenza

Introversione, malinconia, isolamento
VERDE Derivato (giallo+blu) ci sono verdi caldi e verdi freddi.

Elementi acqua e terra

Crescita, direziona- mento,perseveranza,auto affermazione Rigidità , inibizione
ARANCIO Centrifugo

Derivato (giallo+rosso) Caldo

Elemento fuoco

Compiacimento, piacere ,soddisfazione ,creatività Egocentrismo ,edonismo
VIOLA/INDACO Centripeto

Derivato

(rosso+blu) (rosa+azz)

Ci sono viola caldi e freddi

Spiritualità, mistero,metamorfosi Latenza, tensione, inquietudine, traumi,infantilismo
GRIGIO Derivato

(nero+bianco)

e miscele miste di altri colori-infinite sfumature

Stato di confine,

sospensione,

sfumature

Tristezza, noia, blocco, carenza di stimoli,depressione,bassa energia
MARRONE Derivato(rosso+giallo+ blu / verde o nero+rosso) Maturità, processi conclusi, umiltà Materialità, iper responsabilizzazione
 

ROSA

 

Derivato

(bianco+rosso)

Affettività, sentimento Illusorietà

 

Max Luscher ‘ Il test dei colori’, Ed. Astrolabio ,1976

Michel Pastoreau ‘ Il piccolo libro dei colori’ Ed. Ponte delle Grazie ,2006

A presto

Maria Teresa Cardarelli

L’ ABC DELLO SCARABOCCHIO

Oggi desidero parlarvi di  scarabocchi.  Vi sono molte persone che si dilettano in questa attività durante una semplice conversazione telefonica, oppure durante una riunione di lavoro o al tavolino di un bar sorseggiando un caffè. Comunque sia, tutti siamo stati bambini e si sa che ogni bimbo con matita e colori in mano, prima o poi, compie questi nobilissimi gesti. Ben lungi dal non avere significato e profondità, gli scarabocchi costituiscono un alfabeto di colori ed andamenti che possiamo ammirare, leggere e decifrare. In proposito ci possono venire in aiuto le teorie sulla simbologia del colore e la teoria degli stili prenatali.  Per quanto riguarda la teoria degli stili prenatali descritta della Guerra Lisi , la studiosa sostiene che ogni movimento e traccia grafica si possa interpretare secondo stili psico-senso-motori che noi abbiamo sperimentato nel ventre materno durante il periodo di gestazione. Questi 7 stili vengono esperiti dal feto a seconda del suo grado di sviluppo:

  • lo stile ,concentrico-pulsante e il dondolante sono tipici del primo stadio cellulare e di morula;

  • lo stile melodico, roteante e ritmico staccato sono tipici di un feto che ha già sviluppato le propaggini testa-braccia-gambe;

  • lo stile dell’imago – azione è relativo ad un feto di 7-8 mesi dove il sogno fetale attivo si traduce in movimento psichico;

  • lo stile catartico si riassume, infine, nell’atto della nascita.

Questi stili che sperimentiamo anche dopo la nascita nei nostri movimenti e nelle nostre attitudini emozionali sono pure applicabili alle forme artistiche e alle tracce grafiche tra cui gli scarabocchi. Ecco due piccoli esempi di lettura di scarabocchi .

1

Questo è lo scarabocchio di un maschietto di 3 anni piuttosto isolato e taciturno. Si tratta di uno scarabocchio con un andamento concentrico-roteante eseguito con il giallo e poi con il nero. Questa traccia grafica a livello di simbologia del colore esprime un desiderio negato . Il messaggio emozionale sotteso è ‘ vorrei scegliere (giallo) ma non posso (nero)’. L’andamento roteante indica un gran bisogno di spazio e di libertà.

2

Questo invece è lo scarabocchio di una bimba di 3 anni , curiosa ed intraprendente. Il colore arancione con cui è stata eseguita la traccia grafica è un colore derivato ( rosso + giallo) e ne contiene entrambe le caratteristiche di volontà e scelta. L’arancio, colore caldo e morbido, è simbolo di compiacimento, piacere e soddisfazione. Lo scarabocchio ha un andamento ritmico-staccato, cioè si caratterizza per un movimento di andirivieni che produce il piacere intenzionale di protendersi e di ritrarsi verso qualcosa o qualcuno. E’ lo stile intenzionale per eccellenza. Porre attenzione agli scarabocchi e ai disegni dei nostri piccoli è importante in quanto le loro tracce ci aiutano a comprenderli meglio. Un testo per approfondire:

S. Guerra Lisi- G. Stefani ‘ Gli stili prenatali nelle arti e nella vita’ Ed. Clueb ,1999

 A presto Maria Teresa Cardarelli